Home page Giovanni Dall'OrtoScritti di attualità > Considerazioni sui Gay Pride del 2002

SLOGAN

Quest'anno, ce n'erano meno che mai.

Non si può più contare sulla creazione spontanea da parte dei manifestanti, anche perché una volta gli slogan rimbalzavano da una manifestazione all'altra ("Lotta dura senza paura" diventava "Lotta dura contro natura"), mentre oggi gli slogan tacciono anche nelle manifestazioni d'altro tipo, come ho notato al 25 aprile. Se li si vogliono, vanno preparati e sollecitati prima.

Ma forse l'assenza di slogan riflette solo l'assenza di contenuti di un movimento gay che vive troppo alla giornata e non lancia "parole d'ordine" perché non ne ha?
O che non riesce a mettersi d'accordo su nulla e non lancia "parole d'ordine" perché se no rischia la rissa?
Non lo so, e mi auguro che non sia così ma potrebbe anche essere.

Io non sono certo che una manifestazione senza slogan sia la stessa cosa. Per me sono importanti. Ma forse io sono solo un nostalgico di un modo di fare superato dai tempi.

Io credo di no, ma solo il tempo dirà se sbaglio.

<-- Lettera precedente: R <---+---> Lettera successiva: T -->

Torna all'articolo "Considerazioni sui Gay Pride del 2002"