Home page Giovanni Dall'OrtoSaggi di storia gay > Biografie di personaggi gay > Testi  originali > secc. I-IV

Documenti di storia gay - secc. I-IV d.C.

La bandierina indica che il testo Ŕ in:
= latino o greco,  = italiano,  = francese,  = inglese,  = spagnolo,  = portoghese,  = tedesco.
Il simbolo del mondo  indica un link che porta fuori dal mio sito

<-- Secolo precedente --O-- Secolo successivo -->-

--[Prima del 66 d.C.] Tito Petronio Niger, detto Petronio "Arbiter" (? - 66 d.C.), Satyricon. (Link a - Biblio-net).
--Traduzione italiana, con lo stesso titolo, in formato .txt zippato. (Link a - Progetto Ovidio).
Romanzo, giuntoci frammentario, che narra le vicende e la competizione di due giovani innamorati entrambi dello stesso ragazzo sedicenne, Gitone.
Come dice il titolo questo Ŕ un romanzo satirico: gli eccessi qui descritti, sessuali e d'altro tipo, sono stati sapientemente amplificati per produrre un effetto comico. Non andranno perci˛ presi alla lettera: il testo va letto come un romanzo fantastico, non come un reportage giornalistico (come troppo spesso si Ŕ fatto). 
Ovviamente l'amore omosessuale Ŕ uno dei cardini attorno a cui si svolge l'intera vicenda.
L'opera si legge ancor oggi con divertimento e gusto. Purtroppo Fellini ne ha tratto nel 1969 un film in cui il satirico e lieve diventa grottesco e greve.
[Ne esistono inoltre in commercio --varie traduzioni a stampa].

=====================

--[97 / 102 d.C. circa] Decimo Giunio Giovenale (ca. 55 - ca. 130 d.C.), Saturae. (Link a - The latin library).
--Traduzione italiana come: Satire. (Link a - Testilatini).
Reazionario arrabbiato, per Giovenale tutto sta decadendo e "ovviamente" l'omosessualitÓ dilaga. La sua importanza sta anche nel fatto che egli divenne il modello letterario della satira, quindi l'eco delle sue lamentele (e persino la sua terminologia) si ritrova in moltissimi scritti anti-omosessuali, fino all'etÓ barocca. Si vedano le satire:
II: interessante invettiva contro il (presunto) dilagare della "effeminatezza" omosessuale in Roma e del "travestitismo" degli uomini, che arrivano a celebrare matrimoni fra loro (che per˛ alcuni studiosi hanno ipotizzato essere in realtÓ "matrimoni mistici" con la divinitÓ, tipici di alcuni culti misterici, palesemente antipatici a Giovenale).
IV 105-106: insulta Rubrio Gallo come "cinedo";
V 55-68: chiama "Ganimede" un brutto schiavo negro;
VI 33-37, VI 310-312, VI 321-322, VI 365, 1-30 (sic), VI 377-78: contro le donne. Varie allusioni alla decadenza (omo)sessuale del tempo, comprese due al lesbismo;
VIII 14-15: Fabio Ŕ pi¨ molle di un agnello e si depila;
IX: l'intera satira dÓ voce (in modo divertito) alle lamentazioni del prostituto (attivo!) Nevolo, che non riesce a guadagnare per l'avarizia estrema dei "cinedi". Un brano molto colorito, ovviamente esagerato e fazioso, ma ricco di spunti, e buffo.
X 295-309: i genitori di un figlio bello trepidano;
XIV 30: la figlia di Larga affida ai cinedi bigliettini per gli amanti.

=====================

-[162/166 d.C. circa] Luciano di Samosata (120-dopo 180 d.C.), Dialogo n. 5, dai Dialoghi delle cortigiane.
Sola traduzione dal greco, inedita, (di Lorenzo Lozzi Gallo) di un dialoghetto fra prostitute, una delle quali racconta la seduzione da parte d'una donna pi¨ che lesbica "transessuale", che parla di sÚ al maschile e dichiara di avere "il pensiero, il desiderio e tutto il resto, da uomo".
[Ne esistono in commercio --varie traduzioni a stampa].

Ho messo online una mia bibliografia dell'omosessualitÓ nell'opera di Luciano di Samosata.

=====================

[162/166 d.C. circa] Luciano di Samosata (120-dopo 180 d.C.), Dialoghi degli dŔi [The˛n diÓlogoi; Dialogi deorum].
In questi dialoghi dissacratori, gli dŔi antichi vengono canzonati per gli attributi eccessivamente "umani" e assai poco dignitosi affibbiati loro dai miti greci e latini. Ivi compresi gli amori omosessuali. Online si trova la traduzione di due di questi ultimi: 
--dialogo 4, che mostra Giove mentre cerca di convincere Ganimede, un bambinetto troppo semplice per apprezzare "l'onore" di diventare suo amante, a fare buon viso a cattivo gioco;
--dialogo 14: Apollo piange la morte dell'amato Giacinto. (Link a - Iconos).

=====================

--[177-178 d.C. circa] Luciano di Samosata (120-dopo 180 d.C.), Una storia vera [Aleth˛n dieghemÓton, oppure: Aletho¨s istoriÓs].
Sola traduzione italiana dal greco. Satira dei romanzi d'avventura antichi, che contiene alcuni passi a tema omosessuale: I 22; II 17-19; II 28. (Per maggiori dettagli fare clic qui). (Link a - Mori's humour page).

=====================

--[sec. II-III] Filostrato di Lemno senior (ca. 170 - ca. 245 d.C.), Le immagini, I, 24 ("Giacinto")
Raccolta di descrizioni di dipinti [Eik˛nes, Imagines]. Vedi:
Descrizione, lievemente sprezzante verso la stupiditÓ del mito, d'una pittura che rappresenta la morte accidentale di Giacinto per mano del suo amante Apollo. (Link a - Iconos).

=====================

--[fine del sec. III] Filostrato di Lemno junior (sec. III d.C.) I ritratti, n. 14 ("Giacinto")
Descrizione di una pittura che esalta la bellezza di Giacinto, rappresentato mentre parla con Apollo, suo divino amante. In sola traduzione italiana. (Link a - Iconos).

=====================

--[305/306 ca.] Concilio di Elvira (Concilium illiberitanum o elibertanum).
Testo cristiano. Ai "corruttori di ragazzi" non va mai pi¨ data la comunione, neppure in punto di morte.

=====================

-[303/310] Lattanzio (Lucius Caecilius Firmianus Lactantius, ca. 250-dopo 326 d.C.), Institutiones divinae.
Tre estratti in latino dall'opera uno dei pi¨ antichi apologeti cristiani, che accusa i pagani e i loro dŔi di praticare ogni sregolatezza morale, inclusa l'omosessualitÓ (come Giove, con Ganimede).

=====================

--[342] Costanzo II (Flavius Iulius Constantius) 317-361 d.C.) e Costante (Flavius Iulius Constans) (ca. 320-350 d.C.), Legge del 4/12/342, "Cum vir nubit in feminam" (= Codex theodosianus, IX 7, 3, poi Codex Iustiniani Augusti, IX 9, 30 (31)). 
La celebre legge, mille volte citata dai giuristi successivi e base della repressione antiomosessuale per un millennio e mezzo. 
Se un uomo "si accoppia come una donna" e il sesso "ha perso la sua funzione", la spada vendicatrice della legge lo castighi.

=====================

--[sec. IV?] Elio Lampridio (Aelius Lampridius, sec. IV?), Antoninus Heliogabalus. (Link a - The Latin library).
Il pettegolezzo pi¨ basso (dall'ombelico in gi¨) al servizio della politica, per calunniare in tutti i modi la memoria d'un imperatore romano "scomodo", EliogÓbalo o ElagÓbalo. Qui accusato d'ogni possibile nefandezza coi maschi, al punto da chiedere al suo medico se fosse possibile aprirgli una vagina artificiale in corpo per poter essere ancora pi¨ donna.
Nulla in quest'opera (a cominciare dal nome dell'autore, Elio Lampridio, che appare solo nella Historia Augusta) Ŕ vero, ma nulla Ŕ pi¨ divertente del delirio-camp di questo scritto.
[Dell'opera esistono ---traduzioni italiane, anche a stampa].

=====================

--[390] Teodosio I (347-395), Valentiniano II (371-392) e Arcadio (ca. 377-408), Legge del 390, "Non patimur urbem Romam".
Questa Ŕ la legge che per la prima volta stabilisce la pena del rogo per l'uomo che si sottoponga alla passivitÓ sessuale. Non Ŕ per˛ chiaro se si applicasse ai soli prostituti, o se fosse mirata contro tutti i "sodomiti". Resta il fatto che cre˛ un precedente, che sarebbe stato ripreso con entusiasmo nel medioevo.

=====================

<-- Secolo precedente --O-- Secolo successivo -->

[Torna alla pagina principale] [Torna all'indice dei testi] [Vai all'indice delle biografie] [Vai all'indice dei saggi di storia gay]

[Mandami correzioni, suggerimenti o un testo]